Tutti i vantaggi dei dati esterni

Qualunque azienda dispone di dati e informazioni che le rendono convinte di conoscere approfonditamente i loro clienti e prospect, anche se questa è spesso un’illusione; ovviamente l’azienda sa cosa vende ai propri clienti, con quale frequenza, quale margine di profitto ciascuno di questi porta. Se lavora nel mondo consumer sa se i suoi clienti sono uomini o donne, talvolta ne conosce l’età almeno all’interno di una fascia; se opera nel mondo business probabilmente ne sa a grandi linee il settore merceologico. In generale però le conoscenze rispetto ai propri clienti si fermano qui, e quelle relative ai prospect sono ancora minori. Ecco che per qualsiasi azienda diventa fondamentale fare ricorso ai dati di terze parti.

Di cosa si tratta? I dati di terze parti sono definibili come tutti i dati che una società raccoglie relativamente a un consumatore o un’azienda con i quali non ha una connessione diretta, per poi cederli in modo definitivo o temporaneo a un soggetto che li utilizzerà per i suoi scopi di analisi e comunicazione. È quel che fa Addressvitt da oltre 60 anni, durante i quali quelli che erano semplici elenchi di contatti sono diventati, grazie a una quotidiana attività di verifica, ricerca e arricchimento, strumenti indispensabili che mettiamo a disposizione dei nostri clienti per le loro strategie di vendita, le decisioni aziendali e le relazioni con il mercato.

I vantaggi dell’uso dei dati di terze parti sono molti. In ottica di fidelizzazione diventa possibile integrare le informazioni di cui si è già in possesso migliorando la profilazione (e la conseguente offerta commerciale) o creando nuovi segmenti all’interno della customer base per un targeting migliore su scala più ampia e più profonda. Lavorando in acquisizione, invece, l’uso di dati di terze parti consente a un’azienda o un marchio di andare oltre il suo pubblico normale, sia reperendo i dati di contatto dei cosiddetti lookalikes (i soggetti con le caratteristiche più vicine, se non identiche, a quelle dei migliori clienti attuali) sia estendendo a target, gruppi e mercati non ancora toccati e resi disponibili dalla terza parte. In sostanza, lavorare con un partner terzo consente alle aziende di aumentare le dimensioni del loro mercato di destinazione accrescendo le prospettive e opportunità commerciali.

I dati di terze parti dovrebbero essere quindi parti integranti di qualsiasi campagna di marketing basata sui dati. I dati aggregati da una varietà di fonti, siano essi siti Web, sondaggi o informazioni pubblicamente disponibili, possono fornire informazioni molto preziose in termini di ampiezza e di profondità, rendendo la comunicazione più mirata ed efficace, aumentando il riconoscimento e la reputazione del marchio e, in definitiva, il ROI del brand nel suo complesso.

Share:

Altre risorse

Digital Marketing

5 macroscopici errori da non commettere nel Digital Marketing

Gli errori capitano a tutti, dai digital marketer senior agli stagisti alle prime armi. Tuttavia se l'errore è fisiologico, ce ne sono… Scopri di più

Data Intelligence

Internazionalizzazione, la nuova frontiera per la crescita aziendale.

Il naturale sbocco per le tante eccellenze italiane è il mercato estero, sia UE che extra UE. E in un contesto economico… Scopri di più

Mailing Service

The Guardian è il primo quotidiano venduto con involucro biodegradabile

Venerdì 11 gennaio 2019 The Guardian, uno dei principali quotidiani britannici, ha annunciato che la sua edizione del sabato, che oltre al… Scopri di più